In viaggio con il delitto – di Agatha Christie

Tre romanzi di Agatha Christie con l’intramontabile Hercule Poirot
Il Giallo Mondadori Prima edizione 1978
Formato 14×19 Pgg 563

Libro usato, con i soli segni del tempo, ma intatto, senza parti mancanti. o danneggiate
Spedizione con Piego di Libro. Per altre modalità di spedizione, spedizioni estere,  o ulteriori informazioni contattare info@iltomo.it

 

5,00

1 disponibili

About The Author

Agatha Christie

Pseudonimo di Agatha Mary Clarissa Miller. Scrittrice inglese. Di famiglia agiata, viene educata privatamente. Ancora bambina scrive racconti e poesie; alcune di queste vengono pubblicate nel 1908 in «Poetry Review».
Nel 1914 sposa Archibald Christie dal quale divorzia nel 1928.
Il genere letterario con cui raggiunge il successo in campo internazionale è il romanzo poliziesco. I suoi detective, tra i quali primeggiano Hercule Poirot (che compare per la prima volta in Poirot a Styles Court, 1920) e Miss Jane Marple (che compare per la prima volta in una serie di racconti apparsi in rivista e raccolti nel 1932 in l tredici problemi e che diventa per la prima volta protagonista di un romanzo in La morte nel villaggio nel 1930), sono entrambi abilissimi nel risolvere i più intricati enigmi polizieschi. Essi concentrano la loro (e la nostra) attenzione sul comportamento degli indiziati e sulle loro reazioni emotive e verbali. L'azione ha sempre poca importanza, le prove non sono mai particolarmente signignificative; ciò che conta sono le motivazioni psicologiche che potrebbero aver spinto al delitto. ln un mondo di buone maniere, di modi raffinati, di anziane signore molto amanti della conversazione e di impettiti colonnelli in pensione, depositari di antichi valori e tradizioni, l'autrice può nutrire l'illusione di controllare il delitto e, grazie all'acume dei suoi detective, di riportare tutto alla normalità.
La "signora del crimine" ha scritto più di 50 romanzi e 100 racconti; da molti di questi sono stati tratti film, commedie e telelfilm. Nei suoi due ultimi romanzi, Sipario, l'ultima avventura di Poirot (1975) e Addio, Miss Marple (1976) l'autrice ha scelto di far morire i suoi due, ormai vecchissimi, detective: i romanzi erano stati scritti anni addietro, la scrittrice scelse di mantenerli inediti sino a poco prima della sua morte.
La mia vita (An Autobiography, 1977), è stata pubblicata postuma.

Se un medico, in viaggio si imbatte in un ammalato, cosa fa? Lo cura, ovvio, anche se è partito per divertirsi, riposarsi e starsene soprattutto lontano dai pazienti. Se Poirot, in viaggio, inciampa in un cadavere, cosa fa? Lo scavalca ignorandolo? Non sarebbe da lui. E tanto meno in quelle situazioni in cui, per cortesia e presunzione non potrebbe mai rifiutare l’invito di chi gli chiede aiuto per risolvere casi delittuosi assolutamente indecifrabili. Come appunto in “Non c’è più scampo” dove la morte misteriosa di una donna bella e seducente sconvolge i componenti di una spedizione archeologica alla ricerca di antichi segreti sulla terra della favolosa Babilonia. Oppure “La domatrice” dove gli odi, le paure, i ricatti e le perfidie disseminati da una ricca famiglia americana sulla strada dal Cairo a Gerusalemme sfociano in un diabolico delitto sullo sfondo delle rovine di Petra. Ma “In viaggio col delitto” non finisce qui; continua senza Poirot il cammino a ritroso nel tempo con una tragica cronaca familiare di 2000 anni prima di Cristo, vissuta lungo le calde e fertili rive del Nilo. Una favola per adulti narrata per incantarli dalla regina del crmine e che si intitola “C’era una volta…” 

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “In viaggio con il delitto – di Agatha Christie”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *