La rocca Paolina nella storia e nella realtà contemporanea. Visita guidata

di Augusta Brunori, Augusto Ciliani e Daniela Bonella
Edizioni Guerra 1995
Formato 15×21 Pgg 56
Copertina con bandelle con stampa fronte/retro
ISBN 9788877151988
Illustrazioni colore, piantine e ricostruzioni anche a pagine doppie.

Il libro nuovo, non letto, senza parti mancanti o danneggiate..
Spedizione con Piego di libro € 2 – Piego di Libro raccomandato o Corriere Sda € 5.
Per  ulteriori informazioni  o spedizioni estere contattare info@iltomo.it

7,00

7 disponibili

Probabilmente è la migliore guida illustrata della Rocca Paolina di Perugia.
Fu costruita tra il 1540 e il 1543 per volere del papa Paolo III e ha rappresentato, fino al 1860, il simbolo del potere pontificio sull’antica città. La costruzione, progettata da Alessandro Tomassoni da Terni e Antonio da Sangallo il Giovane, venne realizzata su quelle che erano le case dei Baglioni, in seguito alla loro rivolta contro il papa, ed occupava ampia parte del versante sud di Perugia. Per la sua costruzione furono utilizzati i materiali dell’antico borgo di Santa Giuliana, demolito per intero con relative chiese e conventi, mentre le case, vie, torri e cortili ricadenti nel perimetro del nuovo edificio furono inglobati e coperti con possenti volte, costituendone il piano interrato.
In parte distrutta nel 1848, ricostruita nel 1860 per volere di papa Pio IX, la Rocca fu abbattuta definitivamente nei decenni successivi all’annessione al Regno d’Italia, offrendo lo spazio per la costruzione di molti edifici e sistemazioni ottocentesche (piazza Italia, via Masi, giardini Carducci, viale Indipendenza).
Con tali vasti sconvolgimenti urbanistici, dell’antica Rocca (articolata in tre parti: il Palazzo Papale, il “Corridore” e la “Tenaglia”) rimasero solo i sotterranei del Palazzo Papale. Questi furono finalmente interessati da lavori di rimozione delle macerie nel 1932 e conclusi nel 1965, aprendosi al pubblico quale “città sotterranea” di grande fascino e suggestione.
Dal 1983 infine, la fortezza è attraversata dal percorso pedonale meccanizzato (scale mobili) che dalla stazione bus, lungo la circonvallazione extramurale, raggiunge l’acropoli etrusca. Oggi i suoi grandi e singolari spazi sono utilizzati, durante l’anno, per diverse manifestazioni culturali.
Inoltre all’interno della rocca si può ammirare anche i resti in pietra dell’antico “Giuoco del Pallone“, uno stadio di legno dove veniva praticato tale gioco.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La rocca Paolina nella storia e nella realtà contemporanea. Visita guidata”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *